Accesso civico generalizzato

Descrizione:

Accesso civico "generalizzato" concernente dati e documenti ulteriori

Secondo quanto previsto dall’articolo 5, comma 2, del decreto legislativo n. 33/2013 chiunque ha diritto, senza essere tenuto a motivare la richiesta, ad accedere ai dati, alle informazioni o ai documenti detenuti dalla pubblica amministrazione, ulteriori rispetto a quelli per cui vige l'obbligo di pubblicazione. La richiesta è gratuita salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto dall’amministrazione per la relativa riproduzione.

Come Fare:

L'istanza di accesso civico deve indicare con chiarezza i dati, le informazioni o i documenti richiesti e può essere presentata:

all’indirizzo di posta elettronica certificata Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

all’indirizzo di posta ordinaria Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

o indirizzata alternativamente:

A) all'ufficio che detiene i dati, le informazioni o i documenti:

B) all'ufficio relazioni con il pubblico (U.R.P.);

C) al Segretario Generale, responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza.

mediante l'apposito modulo.

Informazioni specifiche:

L'amministrazione che riceve la richiesta di accesso civico generalizzato, ha l'obbligo di verificare se esistano soggetti controinteressati.  Se esistono soggetti controinteressati, l'amministrazione è tenuta ad informarli ed essi possono presentare una motivata opposizione entro dieci giorni.

L’Amministrazione deve altresì verificare se esistono portatori di uno dei seguenti interessi privati:
a) protezione dei dati personali;
b) libertà e segretezza della corrispondenza;
c) interessi economici e commerciali di una persona fisica o giuridica (compresi la proprietà intellettuale, il diritto d'autore e i segreti commerciali).

Il procedimento di accesso civico generalizzato deve concludersi con un provvedimento espresso e motivato nel termine di trenta giorni dalla presentazione dell'istanza con la comunicazione al richiedente e agli eventuali controinteressati.

In caso di accoglimento della richiesta di accesso, l'amministrazione trasmette al richiedente i dati, le informazioni o i documenti richiesti.

Nel caso sia stata presentata opposizione da parte di un soggetto controinteressato, l'amministrazione trasmette i dati al richiedente solo dopo quindici giorni dalla comunicazione al controinteressato dell'accoglimento dell'accesso, salvi i casi di comprovata indifferibilità così da consentire allo stesso la possibilità di presentare richiesta di riesame oppure ricorrere al difensore civico.

In caso di diniego totale o parziale della richiesta di accesso o di mancata risposta entro 30 giorni, il richiedente può presentare richiesta di riesame, alla quale l’amministrazione risponde entro venti giorni.

Nel caso l'accesso sia stato negato o differito a tutela di interessi privati relativi alla protezione di dati personali, l’amministrazione provvede sentito il Garante per la privacy, che si pronuncia entro dieci giorni dalla richiesta (in tal caso il termine per l'adozione del provvedimento da parte dell’amministrazione è sospeso fino alla ricezione del parere del Garante e comunque per un periodo non superiore ai predetti dieci giorni).

Contro le decisioni dell'amministrazione il richiedente può presentare ricorso:
1) al Tribunale amministrativo regionale;
2) al difensore civico competente per l’ambito territoriale della Regione Piemonte.

Riferimenti Normativi Locali:

Decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33

Documenti allegati:

Modulo per l'accesso civico generalizzatoModulo per l'accesso civico generalizzato

Modulo di richiesta di riesameModulo di richiesta di riesame

Dati ulteriori

Riferimenti normativi: D. Lgs. n. 33/2013 e s,m. e i. Art. 4, c. 3

3. Le pubbliche amministrazioni possono disporre la pubblicazione nel proprio sito istituzionale di dati, informazioni e documenti che non hanno l'obbligo di pubblicare ai sensi del presente decreto o sulla base di specifica previsione di legge o regolamento, fermi restando i limiti e le condizioni espressamente previsti da disposizioni di legge, procedendo alla anonimizzazione dei dati personali eventualmente presenti.


SCIOPERI

Accesso civico semplice

Come Fare:

Accesso civico "semplice" concernente dati, documenti e informazioni soggetti a pubblicazione obbligatoria

Secondo quanto previsto dall’articolo 5, comma 1, del decreto legislativo n. 33/2013 all’obbligo per le pubbliche amministrazioni di pubblicare documenti, informazioni o dati è connesso il diritto, per chiunque, di richiedere tali documenti o informazioni o dati. Il richiedente deve identificare con chiarezza i dati, le informazioni o i documenti di cui è stata omessa la pubblicazione ma non è tenuto a motivare la richiesta (che non è soggetta a costi). Entro trenta giorni dalla presentazione l’amministrazione pubblica nel sito i documenti, le informazioni o i dati richiesti e comunica al richiedente l'avvenuta pubblicazione degli stessi, indicandogli il collegamento ipertestuale”.

La richiesta di accesso civico deve essere presentata al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, compilando l’apposito modulo.

Informazioni specifiche:

In caso di ritardata o mancata pubblicazione dell'atto, documento o altra informazione oggetto della richiesta di accesso civico, l'instante potrà rivolgersi al titolare del potere sostitutivo di cui all'articolo 2, comma 9-bis della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni, che, verificata la sussistenza dell'obbligo di pubblicazione, nei termini di cui al comma 9-ter del medesimo articolo 2 della Legge n. 241/1990 (metà di quello originariamente previsto, quindi 15 giorni) provvede alla pubblicazione nel sito del dato richiesto, trasmettendolo contestualmente al richiedente o, in alternativa, potrà comunicare al medesimo l'avvenuta pubblicazione e indicare il collegamento ipertestuale a quanto richiesto

Documenti allegati:

Modulo per l'accesso civico sempliceModulo per l'accesso civico semplice

Tempi costi e indicatori di realizzazione delle opere pubbliche

Riferimenti Normativi: D.Lgs 33/2013 e s.m. e i. art. 38 c.1 e c.2

Art. 38 - Pubblicità dei processi di pianificazione, realizzazione e valutazione delle opere pubbliche

1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 9-bis, le pubbliche amministrazioni pubblicano le informazioni relative ai Nuclei di valutazione e verifica degli investimenti pubblici di cui all'articolo 1 della legge 17 maggio 1999, n. 144, incluse le funzioni e i compiti specifici ad essi attribuiti, le procedure e i criteri di individuazione dei componenti e i loro nominativi.

2. Fermi restando gli obblighi di pubblicazione di cui all'articolo 21 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, le pubbliche amministrazioni pubblicano tempestivamente gli atti di programmazione delle opere pubbliche, nonche' le informazioni relative ai tempi, ai costi unitari e agli indicatori di realizzazione delle opere pubbliche in corso o completate. Le informazioni sono pubblicate sulla base di uno schema tipo redatto dal Ministero dell'economia e delle finanze d'intesa con l'Autorita' nazionale anticorruzione, che ne curano altresi' la raccolta e la pubblicazione nei propri siti web istituzionali al fine di consentirne una agevole comparazione.

Copyright © 2013 Comune di Garzigliana (TO) - Piazza Vittorio Veneto, 1 - 10060 Garzigliana (TO)
Tel. 0121.341107 - 0121.541199 Fax 0121.341270 - P.I. 01485700015 - C.F. 85003130011
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Privacy Policy

Cookie Policy